Metal detector a bassa frequenza: migliori prodotti di Settembre 2021, prezzi, recensioni

I metal detector sono alcuni tra gli apparecchi oggi più adoperati in diversi contesti di utilizzo. Si tratta di dispositivi che vengono usati in modo specifico per rintracciare e individuare dei metalli e degli oggetti particolari che si trovano in alcune zone. I modelli di metal detector oggi in commercio sono tanti e numerosi, e ognuno di loro è pensato e progettato spesso per un tipo di uso diverso. Questi apparecchi oggi vengono adoperati in diversi e molteplici contesti di utilizzo, da quelle privati a quelli pubblici,  anche come un semplice hobby personale.

Nel momento in cui si parla delle caratteristiche e delle funzioni di un metal detector, è di assoluta importanza il fatto di determinare l’output di definizione degli stessi. Inoltre, è bene anche sottoporli ad una corretta valutazione dei rischi. Così, si può individuare in questo modo l’attrezzatura corretta da impiegare in base al singolo layout, oppure sulla base dei processi e dei prodotti diversi.

Metal detector, sistemi e frequenze di rilevamento

Spesso, quando si parla di metal detector, uno degli aspetti fondamentali da tenere in considerazione riguarda il loro sistema di rilevamento dei metalli. Speso, infatti, questi sistemi di rilevamento possono essere anche di varie tipologie, come quelle in linea o a scarto. Da non dimenticare poi anche i sistemi di rilevamento che fanno uso delle tubazioni, oppure quei modelli che vengono inseriti in dei complessi macchinari con più funzioni di utilizzo a disposizione.

I sistemi di rilevamento dei metalli di ogni modello di metal detector è costituito da almeno quattro componenti essenziali, ovvero il sensore, l’area di controllo, un processore e un dispositivo di input utile per lo scarto. Il macchinario può essere poi dotato di alcuni elementi tra cui nastri , allarmi di avviso, unità logiche e test di scarto. In base alla singola tipologia di di metal detector , ci saranno infatti delle azioni ben precise da eseguire. Non a caso, la strumentazione di rilevamento dei metalli deve essere sempre perfettamente efficiente e affidabile.

L’utilizzo corretto del proprio modello di metal detector è di fondamentale importanza se si vogliono ottenere dei buoni risultati di rilevamento. Ad esempio, occorre sempre tenere conto della particolare disposizione dello stesso, oppure della velocità della linea. Un uso scorretto dell’apparecchio può portare anche a dei problemi di malfunzionamento e a segnalare dei falsi positivi. Inoltre, risulta molto utile anche definire un piano di sanificazione come spesso viene suggerito dal produttore, così da evitare di danneggiare i sensori.

Metal detector a bassa frequenza

Le frequenze di lavoro in un certo modello di metal detector possono essere basse o alte. Le frequenze basse sono in media delle frequenze larghe, per cui sono in grado di penetrare più in profondità nel terreno. Tuttavia, essendo delle frequenze abbastanza larghe, necessitano di un oggetto dotato di una maggiore superficie per poter essere riflesse. Solo in questo modo infatti si può ritornare alla piastra in modo sufficiente per poter essere così rilevate. Le frequenze alte, invece, sono delle frequenze più strette ma hanno una maggiore possibilità di riflesso.

I metal detector a bassa frequenza sono in grado di rilevare spesso degli oggetti più grandi e più in profondità. Inoltre, sono più adatte soprattutto per i terreni mineralizzati, ma sono meno sensibili al rilevamento di  oggetti di piccole dimensioni. Al contrario, i modelli con le frequenze alte riescono a rilevare anche degli oggetti più piccoli, ma non oggetti più grandi o anche più in profondità. Durante il processo di rilevamento, se la tonalità non cambia ed il processo di identificazione del bersaglio è preciso, si può essere maggiormente sicuri di individuare l’oggetto.

In questi casi, se il tono subisce un mutamento, si potrebbe trattare di oggetti anche costituiti da dei materiali multipli e diversi di forma irregolare. Se il tono sparisce del tutto, invece, l’oggetto ritrovato potrebbe essere anche un rifiuto o un metallo con un valore di poco conto. Una volta che la piastra ha identificato un certo oggetto o materiale che ci sembra buono, allora è possibile utilizzare il pinpoint per accertarsi riguardo la posizione precisa in cui si trova l’oggetto.

Accessori utili

Quando si usano certi modelli di metal detector, occorre precisare che l’uso di alcuni accessori permette un livello di efficienza maggiore del suo lavoro di individuazione e rilevamento. Tra questi accessori troviamo i pinpoint, che sono come dei piccoli metaldetector portatili che hanno lo scopo di semplificare l’individuazione degli oggetti. Questo può avvenire sia dentro lo scavo, che anche fuori nella terra scavata. Si tratta di apparecchi particolarmente utili per individuare degli oggetti anche molto piccoli. Inoltre, possono essere usati su terreni diversi, tra cui quello sabbioso e quello erboso.

Se siete alla ricerca di questi accessori, oggi ci sono dei modelli di diversi prezzi e grazie a loro potete ricercare gli oggetti con più precisione e con una maggiore sicurezza. Oltre che per trovare la posizione esatta di un certo bersaglio, un pinpoint è anche in grado di fornire delle informazioni utili sull’oggetto rilevato. In particolare, si possono scoprire dei dettagli, come ad esempio la forma e la misura dell’oggetto rilevato.

Fin da piccolo la scrittura è stata per me un rifugio e una passione. Adesso è diventata il mio lavoro.

Sempre attento a quello che scrivo e a come lo scrivo, ho avuto la possibilità di crescere professionalmente nel mondo delle parole, ma senza dimenticare il motivo per cui ho iniziato a scrivere: non solo amore ma autentica necessità.

Scrivo soprattutto di articoli per la sicurezza personale e sociale.

Back to top
menu
sceltametaldetector.it