Metal detector multifrequenza: guida alla scelta e prodotti migliori per marche e prezzi

Come assicurarsi di poter trovare rapidamente e senza troppo sforzo esattamente il tipo di metallo che si sta cercando? Come evitare i continui pezzi di ferro arrugginito e le lattine di metallo sotterrate che il vostro metal detector continua, inutilmente, a rilevare? Fortunatamente esiste una soluzione a questo tipo di problemi: i metal detector multifrequenza. Questo tipo di metal detector contengono un “optional” che permette al metal detector di discriminare i metalli in base alla loro frequenza. Nella guida di oggi vedremo come funzionano, a cosa servono e come acquistare i migliori metal detector multifrequenza.

Introduzione: che cos’è un metal detector multifrequenza?

Un metal detector, come tutti sappiamo, è uno strumento il cui scopo è individuare i metalli sotto terra grazie al campo elettromagnetico. Il problema che la multifrequenza risolve è quello legato alle rilevazioni “accidentali” ossia tutti quei rilevamenti di metalli che non interessano all’utente. Il funzionamento del detector multifrequenza è molto semplice: sfrutta il principio fisico dell’induzione elettromagnetica per dare all’utente un feedback acustico differente in base alla frequenza che il metallo “produce” quando viene investito dal campo elettromagnetico dello strumento. Senza scendere troppo nei particolari: ogni metallo reagisce in modo diverso quando esposto ad un campo elettromagnetico, il metal detector multifrequenza sfrutta questo aspetto per individuare quale sia il tipo di metallo individuato.

Come si usa un metal detector multifrequenza

I metal detector multifrequenza, fortunatamente, sono molto semplici da utilizzare e non richiedono particolari conoscenze. L’unico aspetto al quale bisogna prestare particolare attenzione è il seguente: nei prodotti che non sono muniti di monitor lcd potrebbe essere molto difficile distinguere il segnale acustico di un metallo rispetto al segnale acustico di un altro. Per questo motivo consigliamo di acquistare prodotti che sono muniti di schermo lcd oppure di cuffie di qualità (approfondiremo tutto ciò che riguarda gli accessori fondamentali nella prossima sezione).

Solitamente i produttori danno all’utente più di un modo per capire quale suono sia collegato a quale metallo: ad esempio, un sono segnale potrebbe voler indicare il ferro, due segnali ravvicinati e prolungati l’alluminio, due segnali molto ravvicinati il piombo e così via. Ovviamente questi sono solo esempi e per capire in modo corretto quali suoni corrispondano a quali metalli, vi consigliamo di leggere attentamente il manuale delle istruzioni per l’utente.

Se, invece, il vostro prodotto fosse munito di schermo lcd, cosa che probabilmente vi è costata qualche euro in più, allora l’utilizzo del prodotto diventa semplicissimo. Sullo schermo lcd, infatti, verranno mostrate moltissime informazioni utili come profondità, distanza, dimensioni e, ovviamente, il tipo di metallo rilevato.

Gli accessori fondamentali per un buon metal detector

I metal detector multifrequenza, più di ogni altra tipologia di strumenti per rilevare il metallo, necessitano di alcuni accessori per essere comodamente utilizzabili da tutti gli utenti. In particolare stiamo parlando di tre accessori che possono rendere la vita molto più semplice sia ai professionisti che ai neofiti: le cuffie isolanti di alta qualità, lo schermo lcd e, se lo si ritiene necessario, un’apposita applicazione. Vediamo nel dettaglio perché questi accessori sono molto utili.

Le cuffie di alta qualità isolanti sono, secondo la nostra opinione, fondamentali per l’uso corretto di ogni metal detector. Infatti, questo tipo di accessori, ci permette di concentrarci appieno sul lavoro e di sentire in modo chiaro i segnali. Di conseguenza l’utente può individuare con assoluta certezza il tipo di segnale acustico che il metal detector sta emettendo e capire quale sia il metallo rilevato.

Lo schermo lcd, come accennato in precedenza, è particolarmente utile per avere un accesso rapido e semplice a moltissime informazioni riguardanti la rilevazione appena eseguita. I dati che possono essere trasmessi a schermo includono alcune nozioni fondamentali come: la profondità, la distanza, il tipo di metallo e così via. Inutile dire che non tutti i prodotti muniti di lcd hanno le stesse caratteristiche e comunicano a schermo gli stessi dati e le stesse informazioni. In questi casi, per capire se il metal detector comunica che informazioni che più ci interessano a schermo, occorre leggere recensioni specifiche di quello strumento!

Le applicazioni sono “l’ultima frontiera” dei metal detector. Avere un’applicazione in funzione mentre si sonda il terreno è un’utilissima aggiunta al vasto corredo di accessori che possono rendere il lavoro più remunerativo e veloce. Le applicazioni, infatti, sono in grado di creare una mappa della zona battuta (grazie al gps del telefono nella tasca dell’utente); sulla mappa  della zona possiamo vedere i punti battuti, il tempo impiegato per il percorso e le zone all’interno delle quali sono avvenuti i ritrovamenti. Questi aspetti dell’app permettono all’utente di analizzare in modo meticoloso il terreno battuto e pianificare le spedizioni future in modo da ottimizzare i tempi e le distanze.

Detto questo possiamo concludere la nostra guida all’acquisto dei metal detector multifrequenza. Vi ricordiamo di fare un salto sul nostro blog per trovare approfondimenti, recensioni e guide utilissime sul mondo dei metal detector.

Nel mio studio grafico, mi occupo di: grafica pubblicitaria con soluzioni eco-sostenibili, web design, grafica per eventi, grafica per il web e la stampa, ed illustrazione. Inoltre, da tempo collaboro con aziende e case editrici per la redazione di articoli e contenuti multimediali.
Arte, lettura, illustrazione e fotografia… per lavoro e per passione!

Back to top
menu
sceltametaldetector.it